L’antico borgo medioevale di Tratalias

Una serata senza meta può trasformarsi in un breve viaggio alla scoperta di un angolo poco conosciuto della nostra terra? La risposta è: – assolutamente si!!. Siamo in una giornata di autunno, che di autunno alla fine non ha poi tanto se non fosse per la data sul calendario.
Un pomeriggio con un cielo azzurro sgombro da nuvole ci porta ad avere voglia di prendere la macchina e viaggiare, unica meta decisa è la direzione del sud Sardegna.
Visto che una delle nostre ultime visite, vedi articolo su Iglesias Città Regia, è stata positiva, ci sentiamo incoraggiati per avventurarci in questo territorio ricco di storia, alla ricerca di un altro angolo particolare.

Verso il Sud Sardegna

Attraversiamo mezzo Sulcis-Iglesiente, prima Vallermosa, poi Domusnovas e Villamassargia, proseguiamo e, giunti all’altezza della cittadina di Carbonia, capoluogo di provincia del Sud Sardegna, allora puntiamo verso Tratalias, e quello che rimane del suo antico borgo medioevale.
Il sole del primo pomeriggio rassicurante promette una passeggiata senza troppe difficoltà e parcheggiata l’auto, con la reflex in mano, cominciamo ad esplorare senza incontrare un anima viva il piccolo gruppo di case superstiti.

 

Brevi cenni storici

La prima cosa che impressiona del luogo è la grande costruzione al centro del borgo. L’antica basilica (1213-1282) dedicata alla Madonna di Monserrat dagli spagnoli giunti a Tratalias nel XV secolo ne fecero il loro centro strategico.
Ma Tratalias era già Sede vescovile dopo il trasferimento dall’isola di Sant’Antioco di tutta la curia per sfuggire alle continue scorribande piratesche dei saraceni. Allora era protetta dal vicino castello di Tului. La sede vescovile vi rimase fino agli inizi del 1500 quanto poi tutto venne portato alla non lontana Villa di Chiesa.
In tutto il periodo Aragonese il territorio non fu popolato e formò una baronia con Santadi, questo fino alla prima metà del 1800 quanto vennero aboliti i sistemi feudali.

Un drastico cambiamento

A partire da quell’importante cambiamento il territorio cominciò a ripopolarsi, ma è nel 1954 che accadde quello che sarebbe risultato un evento drastico nella storia di Tratalias. La costruzione dell’invaso suo rio Palmas che avrebbe dovuto dare nuovo impulso all’economia agro-pastorale.
Se da un lato finalmente quelle terre ebbero un grosso bacino idrico, dall’altro le infiltrazioni nel terreno dell’acqua stessa che resero le case instabili e, un ambiente dal punto di vista igienico-sanitario non proprio ottimale costrinsero allora a spostare il paese di qualche centinaio di metri verso il colle dove sorge il nuraghe Tratalias.
Le case malsane e instabili del vecchio borgo vennero distrutte per motivi di sicurezza e, solo quelle poche che oggi vediamo si sono salvate più per caso che per volere.

Il vecchio borgo oggi

Chi visita questo luogo oggi può vedere un piccolo agglomerato di case ristrutturate, gli abitanti di oggi, hanno recuperato e valorizzato il borgo che ospita la locanda Monserrat e il ristorante Il Gallo Nero.

E presente anche un museo del territorio dove è possibile, con pochi euro, far visita all’edificio di fronte alla chiesa dove sono ospitati reperti del passato e un plastico delle vecchie poste con la torre dell’orologio, distrutta per i motivi detti in precedenza. Unico superstite dell’edificio è la campana che stava in cima alla torre.

Il custode del museo, gentilissimo, vi farà da cicerone anche per la visita all’antica cattedrale. Il suo interno semplice nell’aspetto ospita un piccolo retablo cinquecentesco e alcuni dettagli che rimandano alla presenza templare nel territorio. Simboli inequivocabili della grandezza e importanza che il centro ricopriva nella fede a partire dal medioevo.

Come arrivare a Tratalias

In auto:
• Da Cagliari-Porto e/o aeroporto: 45-40 min. sulla SS 130 4 corsie direzione Iglesias proseguite verso Gonnesa direzione Carbonia (s.s. 195), superare San Giovanni Suergiu e girare a destra sulla s.s. 126 alla rotonda, all’altezza della frazione Is Cordeddas seguento le indicazioni sui cartelli stradali prendere la terza uscita verso Tratalias. .

• Da PortoTorres: 2.15 h circa sulla SS131 4 corsie direzione Cagliari fino Bivio per Sanluri, dx per Samassi, Vallermosa, Bivio Siliqua, SS130-Iglesias proseguite verso Gonnesa direzione Carbonia (s.s. 195), superare San Giovanni Suergiu e girare a destra sulla s.s. 126 alla rotonda, all’altezza della frazione Is Cordeddas seguento le indicazioni sui cartelli stradali prendere la terza uscita verso Tratalias.

• Da Olbia-Golfo Aranci: 2.40 h circa sulla 131Bis 4 corsie direzione Nuoro fino Abbasanta, direzione Cagliari, Bivio Sanluri, dx per Samassi, Vallermosa, Bivio Siliqua, SS130 Iglesias proseguite verso Gonnesa direzione Carbonia, (s.s. 195), superare San Giovanni Suergiu e girare a destra sulla s.s. 126 alla rotonda, all’altezza della frazione Is Cordeddas seguento le indicazioni sui cartelli stradali prendere la terza uscita verso Tratalias.

In aereo:
Gli aereoporti principali sono quelli di Cagliari–Elmas che serve la parte sud dell’isola; Alghero–Fertilia e Olbia–Costa Smeralda che servono rispettivamente la parte Nord occidentale e Nord Orientale dell’isola. L’aeroporto di Cagliari-Elmas è raggiungibile da numerosi scali in Italia ed Europa:

In treno:
Non è possibile arrivarci in treno, ma la stazione ferroviaria di Carbonia è raggiunta dalla linea Cagliari-Decimomannu-Carbonia/Iglesias. Poi proseguire in macchina come indicato sopra.

Se vi è piaciuto l’articolo ci farebbe immenso piacere un vostro parere e magari anche una condivisione nei vostri social preferiti. Tutte le foto da me scattate durante la giornata al borgo sono disponibili anche sul sito www.odesfotografiche.wixsite.com/photo.

Se avete consigli o volete avere notizie su altre località della Sardegna ci farebbe piacere un vostro commento. Terremo in considerazione ogni richiesta cercando di esaudirle quanto prima.
Ringrazio vivamente Stefano per la pazienza nel s(u)opportarmi.

A presto e buona Luce a tutti.

Maurizio Peis

Link di riferimento

https://it.wikipedia.org/wiki/Tratalias

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Chiesa_di_Santa_Maria_di_Monserrato_(Tratalias)

Foto Tratalias Vecchia

www.odesfotografiche.wixsite.com/p

Commenti recenti

Archivi

Link Amici

Odesfotografiche di Maurizio Peis

L’anima dei Luoghi di Paola Tornambe’

Scorre il Tempo di Paola Tornambe’